sabato 24 ottobre 2009

RECENSIONE di Antonella Santarelli

L’immagine di un paesino arroccato sulla montagna abruzzese, il ritratto ilare e pittoresco dell’era fascista, prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, e il repertorio dei personaggi dalla grande umanità sono gli elementi sapientemente miscelati, con stile discorsivo semplice e immediato, da Arturo Bernava nel romanzo “Il colore del caffè”, ed. Solfanelli, 2009. Il romanzo di Bernava si legge in poco tempo perché la vicenda cattura oltremodo il lettore che “vive” il libro, come consiglia Alfredo, il vecchio saggio del paese, che saprà invogliare alla lettura un’intera comunità, composta da piccoli uomini, in gran misura analfabeti, intenti a scrivere la propria grande storia. Dante Modiano, rampollo di una famiglia nota negli ambienti più elevati della società romana, giunge, in veste di giovane maresciallo dei carabinieri, nel piccolo paese abruzzese, non si saprà fino alla fine del romanzo per quale motivo. Intreccerà la propria vicenda con l’esistenza della bella Lorena, bolognese di origine, anche lei con un segreto da svelare solo in parte. Avvincente la loro storia d’amore da mantenere segreta e dal coinvolgimento pieno dei sensi e dell’anima.
Il paese, così vicino alle stelle nelle notti d’estate, è il grande protagonista del romanzo con personaggi che costruiscono il tracciato del racconto grazie a fatti che uniscono le diverse esistenze, apparentemente infelici, in attesa di riscatto o destinate a recitare ruoli decisi altrove. Come quello del podestà, piccolo duce in miniatura , che riuscirà in qualche modo a riabilitarsi di fronte agli avvenimenti futuri. Molto bella e toccante la storia di Gerolamo, alle prese con la costruzione di una nuova identità dopo sedici anni di torture ed elettoshock in manicomio, punizione a lui inflitta per la sua grande storia d’amore in collisione con le regole della piccola comunità. L’ombra della persecuzione nazista traspare nella vicenda della povera famiglia ebrea ricercata nel paese e nel paese silenziosamente protetta.
La citazione posta in prossimità della fine “... E’ la solidarietà che salverà il futuro dei giovani... ” di un personaggio storico successivo all’epoca dei fatti narrati, papa Wojtyla, è quanto mai calzante di fronte all’ecatombe della seconda guerra mondiale.

Antonella Santarelli

http://forummediterraneoforpeace.it.forumfree.net/?t=43655604&view=getlastpost#lastpost

giovedì 22 ottobre 2009

Presentazione a Guardiagrele (CH), Domenica 25 ottobre, ore 22,00

RASSEGNA DELL'EDITORIA ABRUZZESE
Guardiagrele (CH) - 23-24-25 Ottobre 2009

Domenica 25 Ottobre - ore 22.00


Presentazione dei libri

IL COLORE DEL CAFFÈ di Arturo Bernava
Presenterà Marco Tornar

LA COLLINA DEI FUOCHI FATUI di Emiliano D’Alessandro
Presenterà Francesco Blasi

Edizioni SOLFANELLI


Informazioni:
ASSOCIAZIONE EDITORI ABRUZZESI
Via Eugenia Ravasco, 54
65123 Pescara (I) - Tel. e Fax 085.76658
www.associazioneeditoriabruzzesi.org
ufficiostampa@associazioneeditoriabruzzesi.org
Segreteria di redazione: Ida Evangelista
Coordinatrice: Piera De Angelis

martedì 13 ottobre 2009

Presentazione a Ortona (CH), Venerdì 16 Ottobre, ore 18,30

Centro Commerciale Ortona Center
C.da Santa Liberata - ORTONA (CH)


Venerdì 16 Ottobre, ore 18,30

Presentazione del libro

Il colore del caffè
di Arturo Bernava
Presenterà Vito Moretti

Edizioni Solfanelli

martedì 6 ottobre 2009

IL COLORE DEL CAFFÈ di Arturo Bernava



Arturo Bernava
IL COLORE DEL CAFFÈ
Romanzo
Edizioni Solfanelli, Chieti 2009


Il maresciallo Dante Modiano, poco prima della seconda guerra mondiale, viene trasferito in un paesino della montagna abruzzese.
Si imbatte da subito in strani personaggi: un bambino di cui tutti sembrano ignorare le origini, un vecchio cieco appassionato di letteratura, una splendida e prosperosa ostessa, una contessa che fugge dalla vita mondana della capitale forse per nascondersi, un finanziere senza scrupoli che ha truffato migliaia di persone.
A fare da cornice ai personaggi principali, altri soggetti dai colori forti: il pazzo Gerolamo, il podestà Ovidio Mentore, e, come in ogni storia di paese che si rispetti, il farmacista, il notaio, il prete.
E, ovviamente, i carabinieri della stazione, tra cui spicca il saggio appuntato Inzirillo.
Da subito Modiano si imbatte in situazioni non del tutto chiare. Un omicidio commesso sedici anni prima, un repentino ricovero in manicomio dell’unico testimone oculare, il fallimento di una banca che ha condotto sul lastrico quasi tutti gli abitanti del paese.
E comincia ad indagare il buon maresciallo Modiano, non senza cedere alle lusinghe dell’amore, salvo poi domandarsi se sia effettivamente amore vero.
Ma non sarà l’unico dilemma in cui si imbatterà: infatti la voglia di vendetta degli abitanti del paese che intendono riprendersi i soldi rubati loro con l’inganno, porterà Modiano di fronte ad un dilemma personale e professionale molto forte.
Sino all’epilogo imprevisto.


Arturo Bernava, nato a Chieti nel 1970, è sposato dal 1997 con Barbara, dalla quale ha avuto due figlie, Chiara e Maria Elena. Inizia a scrivere giovanissimo, vincendo il suo primo concorso letterario ad appena dodici anni. Poi, però, causa molteplici interessi tra cui la musica e lo sport, abbandona temporaneamente questa passione per riprenderla in età adulta.
Attualmente lavora a Roseto degli Abruzzi, dove dirige una filiale del Credito Cooperativo Adriatico Teramano.
Tra i risultati letterari più importanti spiccano i primi posti ottenuti ai concorsi: Hombres Città di Pereto 2009 (Pereto - AQ), Premio alla cultura città di Tortoreto 2009 (Tortoreto - TE), Kriterion 2009 (Avellino), Racconta la solidarietà 2009 (Salerno), San Benedetto nel cuore 2009 (San Benedetto - AP), Tutti Scrittori 2008 (Coarezza - VA), Città di Tocco da Casauria 2008 (Tocco da Casauria - PE), Una terra di leggende - Parco castelli Romani 2008 (Roma), Giammario Sgattoni 2008 (Garrufo - TE), Città di Tocco da Casauria - Premio Giovani 2008 (Tocco da Casauria - PE), Città di Pescocostanzo 2008 (Pescocostanzo - AQ), Giammario Sgattoni - Premio giuria Giovani 2008 (Garrufo - TE), Arci Equinozio 2007 (Milano), Hombres Città di Pereto 2007 (Pereto - AQ).
È risultato inoltre tra i primi posti in oltre quaranta premi letterari.



Arturo Bernava
IL COLORE DEL CAFFÈ
Romanzo
Edizioni Solfanelli, Chieti 2009
Copertina di Vincenzo Bosica
[ISBN-978-88-89756-77-5]
Pagg. 200 - € 12,00

http://www.edizionisolfanelli.it/ilcoloredelcaffe.htm